Franciscana, diretta da Diego Ciccarelli, espressamente finalizzata allo studio del francescanesimo dalle sue origini alle forme attuali delle sue espressioni, con particolare attenzione all'età medievale ed al contesto della presenza nell'area siciliana e mediterranea dei "saperi" francescani. Pubblica testi inediti, studi, ricerche e volumi collettanei frutto di seminari, incontri e convegni volti ad approfondire le forme letterarie, artistiche, filosofiche e teologiche, architettoniche ed urbanistiche, pastorali, religiose e politiche con cui i Minores hanno saputo e voluto esprimere il loro carisma, il loro messaggio e la loro presenza storica e sociale sin dalle origini. A livello esemplificativo segnaliamo il volume del P. Filippo Rotolo, OFM Conv, Il Beato Matteo d'Agrigento e la Provincia Francescana di Sicilia nella prima metà del secolo XV (giunto alla seconda ristampa); Francescanesimo e cultura in Sicilia (secc. XIII-XVI), a cura di Alessandro Musco; Francescanesimo e civiltà siciliana nel Quattrocento, a cura di Diego Ciccarelli ed Armando Bisanti; l'edizione con traduzione italiana del Viridarium Principum. Il giardino dei principi, di Andreas de Pace O.Min., curato da Diego Ciccarelli; l'edizione critica dei Sermones di Ruggero da Piazza O.Min., curata da Cataldo Roccaro; La dimora delle anime. Cappuccini nel Val di Mazara ed il Convento di Burgio, a cura di Umberto Di Gristina, Antonio Gaziano e Rosanna Magrì, vero e proprio "diario di bordo" di un restauro architettonico e del recupero delle mummie, nonché dei loro abiti ed indumenti, conservati nella cripta del Convento di Burgio trasformata in museo; i recenti due volumi I Francescani e la Politica, curati da Alessandro Musco. Ed ancora i volumi dedicati alla circolazione libraria tra i Francescani di Sicilia, alla storia culturale e del patrimonio bibliografico della Biblioteca Francescana di Palermo curata da Diego Ciccarelli, alla Biblioteca comunale di Troina e le raccolte di saggi sulla presenza culturale dei Francescani contestualizzata in aree quali quella di Noto, del ragusano, di Enna e Caltanissetta, dell'agrigentino, del catanese etc.

Biblioteca dell'Officina di Studi Medievali (BOSM), che pubblica saggi inediti, ricerche specifiche ed Atti di incontri organizzati dall'OSM su svariati aspetti della tradizione storica e culturale del Medioevo. Tra questi, il volume di Iris Mirazita, Corleone: ultimo Medioevo. Eredità spirituali e patrimoni terreni; la raccolta di saggi su Palermo medievale; la recente edizione italiana, curata da Alessandro Musco, Pietro Colletta e Iole Turco, del volume di Clifford Backman, pubblicato dalla Cambridge University Press (e di cui l'OSM ha acquisito i diritti), Declino e caduta della Sicilia medievale. Politica, cultura ed economia nel regno di Federico III d'Aragona, Rex Siciliae (1296-1337).

Machina Philosophorum. Testi e Studi dalle culture euro-mediteranee, coordinata da Maria Tilde Bettetini, Diego Ciccarelli, Alessandro Musco (direttore) e Giuseppe Roccaro, che vuole proporsi come l'occasione in cui il confronto delle differenze tra le culture medievali e le loro tradizioni riesca a trovare un modo di esprimersi e di diffondersi. Officina e Machina sono una linea continua: il fare del sapere. La curiosità della sapientia che cerca e crea il confronto, mette assieme i pezzi della storia. Compone, scompone e ricompone i capitoli ed i paragrafi della conoscenza, soprattutto di quella filosofica, della sua comprensione e del come essa si è espressa nel corso della storia. La collana pubblica, oltre che saggi e studi critici, testi delle varie tradizioni del pensiero medievale dell'area euro-mediterranea, per lo più inediti, con traduzione italiana, testo originale a fronte e ampi apparati di commento particolarmente adatti per uso didattico-universitario. Si segnala a titolo esemplificativo la cura di opere filosofiche quali: Kalabadi, Il sufismo nelle parole degli antichi, uno dei più antichi trattati sul sufismo, per la cura di Paolo Urizzi; Le Questioni siciliane. Federico II e l'universo filosofico, del filosofo e maestro sufi Ibn Sab'in, per la cura di Patrizia Spallino; Il Pungolo dei discepoli. Il sapere di un ebreo e Federico II, del filosofo ebreo Ja'aqov Anatoli, tradotto e curato da Luciana Pepi; Alano di Lilla, Le Regole del Diritto Celeste, testo a cura di Carlo Chiurco; il De Ventate di Anselmo d'Aosta per la cura di Pietro Palmeri; Tenebra luminosissima. Commento alla "Teologia Mistica" di Dionigi Areopagita di Alberto Magno, a cura di Giuseppe Allegro e Guglielmo Russino. Ed ancora numerosi saggi e volumi frutto di seminari ed incontri curati dall'OSM sull'ebraismo in Sicilia, su Guglielmo Raimondo Moncada alias Flavio Mitridate, su aspetti della tradizione bizantina ed albanese, sugli usi dei Signa nei documenti siciliani etc.

Scrinium. Quaderni ed estratti di Schede Medievali, che pubblica da quasi un trentennio interventi e studi di uno o più studiosi su temi specifici dei saperi medievali. Si segnalano: L'Islam e la trasmissione della cultura classica con saggi di C. Baffioni, S. Noja, L. Olivieri, R. Rubinaccí; I dipinti musicali della Cappella Patatina di Palermo, a cura di D. Gramit; il saggio di G. Allegro, La teologia di Pietro Abelardo tra letture e pregiudizi; gli Atti del seminario su Gli erbari medievali tra scienza, simbolo e magia; il volume collettaneo Le "Visiones" nella cultura medievale; la raccolta di saggi su L'edizione di testi mediolatíni. Problemi metodi prospettive; i recenti: Andrea Borruso, Da Oriente ad Occidente; Tawfik al-Hakim, Due drammi, per la cura di Andrea Borruso e Patrizia Spallino, che propone, per la prima volta tradotto in italiano, anche II Galateo Maggiore di Ibn Al-Muqaffa', padre della lingua araba letteraria.