Il Pungolo dei Discepoli (Malmad ha-talmidim).  Il sapere di un Ebreo e Federico II Visualizza ingrandito

Il Pungolo dei Discepoli (Malmad ha-talmidim). Il sapere di un Ebreo e Federico II

Mp-07

Nuovo prodotto

Ja‘aqov Anatoli
Introduzione, traduzione e note a cura di Luciana Pepi
Incipit: per frammento di Alessandro Musco
Testo ebraico e traduzione italiana

Maggiori dettagli

45,50 €

Aggiungi alla lista dei desideri

Carte di credito
Carte di credito

Scheda tecnica

Anno di pubblicazione 2004
ISBN 10 88-88615-47-4
ISBN 13 978-88-88615-47-9
Formato 14x21 2 volumi

Dettagli

Il Pungolo dei discepoli, trattato omiletico-filosofico del tredicesimo secolo, composto da Ja‘aqov Anatoli presumibilmente tra la corte di Federico II di Svevia e l’Università di Napoli, è stato redatto all’origine in ebraico e mai tradotto in altra lingua. Ha una buona tradizione manoscritta e si propone essenzialmente, come indica lo stesso titolo, di incitare allo studio approfondito della Scrittura per scoprirne i significati più nascosti, sulla base della “nuova” esegesi allegorica fondata sulla riflessione filosofica di Maimonide, che Anatoli introduce in Italia dopo essersi formato in Provenza alla scuola di suo suocero Ibn Tibbon, studioso e traduttore di Maimonide.

Recensioni

Scrivi una recensione

Il Pungolo dei Discepoli (Malmad ha-talmidim).  Il sapere di un Ebreo e Federico II

Il Pungolo dei Discepoli (Malmad ha-talmidim). Il sapere di un Ebreo e Federico II

Ja‘aqov Anatoli
Introduzione, traduzione e note a cura di Luciana Pepi
Incipit: per frammento di Alessandro Musco
Testo ebraico e traduzione italiana

Nuovi prodotti

PayPal