fbpx

Corso di Decorazione Artistica del Cuoio (1° Livello)

Il corso, con durata programmata di 30 ore di lezioni frontali e di laboratorio guidate da docenti esperti e artigiani con esperienza professionale, inizia in data 20 Aprile 2020 e termina in data 21 Maggio 2020.

Si tiene due volte a settimana, il Lunedì e il Giovedì dalle ore 15.30 alle ore 18.30 (per un totale di 10 lezioni) presso l'Officina di Studi Medievali (ingresso da Via del Parlamento 32 - zona Corso Vittorio Emanuele / Piazza Marina).

Il Costo è di 350,00 €uro per ogni singolo allievo (con il rilascio di regolare ricevuta utilizzabile a fini fiscali)

La quota di iscrizione comprende materiale didattico necessario all’allievo. Saranno eventualmente consigliati alcuni testi da acquistare autonomamente.

La quota può essere versata in sede tramite Bancomat/Carta di Credito o Contanti oppure a mezzo bonifico bancario sul conto corrente intestato a Officina di Studi Medievali, Iban: IT33 J 02008 04682 000300632383

 La partecipazione prevede:

  • Esame di valutazione finale
  • Rilascio attestato di frequenza

Guarda il programma e il calendario delle lezioni del corso.

 

Introduzione

Accanto alla cultura scritta, che si perpetua nel tempo, esiste una cultura più segreta, fondata sul sapere orale, che si trasmette invece nelle botteghe d’arte, nelle officine, nei cantieri, e che è strumento legato
alle grandi maestranze, oggi in via di estinzione.
È questo il secondo tipo di cultura responsabile della edificazione delle piramidi, degli idoli di Pasqua, delle grandi cattedrali, di Stonehenge. Ma anche dei grandi libri, delle ceramiche, dei colori mediterranei, usati un tempo nell’urbanistica più significativa.
L’oralità trasmessa segretamente dai fabbricieri ai discepoli, e non divulgata al di fuori di tale recinto, spiega perché noi nulla sappiamo appunto dell’ars aedificandi egiziana, celtica, e così via, stupiti soltanto come siamo dalla enormità, quasi sovraumana, di così eminenti intraprese.
La decorazione Artistica del cuoio è la storia vissuta dell'essere umano nella quale l'artista-artigiano oggi è artefice e testimone vivente con un compito ben preciso, tramandare la cultura e l'arte della manualità alle generazioni future.

Obiettivi

Conoscenze di metodologie, tecniche e tecnologie dei materiali utilizzati attinenti la decorazione artistica della pelle.
Capacità di saper usare i materiali e gli strumenti specifici della disciplina in modo corretto e appropriato, saper esprimere i contenuti tecnici e concettuali del proprio elaborato con linguaggio specifico, saper analizzare, riprodurre e rielaborare la realtà applicando in modo adeguato la teoria della percezione visiva, ed infine di approfondire lo studio del disegno e della decorazione come un linguaggio espressivo proprio ed organizzare il proprio lavoro piena autonomia.
Competenze di essere in grado di acquisire ed applicare le procedure progettuali ed elaborative della forma decorativa e le tecniche grafiche e laboratoriali finalizzate a decorare, sbalzare, punzonare e dipingere a regola d'arte.

Il Corso è coordinato dal Maestro Emanuele India.

Vincitori "Borsa di Ricerca Grazia Marchianò"

 

In riferimento al Bando "Borsa di Ricerca Grazia Marchianò" da noi pubblicato in data 28/05/2019, si comunica e pubblica che sono risultati vincitrici:

1. Mauro MORMINO
2. Nuno A. Enrique DE LIMA
2. Alessia BROMBIN

 

Visto l’ex equo, sarà aggiunta un’ulteriore Borsa di Ricerca “Grazia Marchianò” dello stesso valore.

Lettura e Trascrizioni di testi manoscritti

La proposta del corso nasce dalle numerose richieste di trascrizioni, pervenute in questi anni  da parte di studiosi e non, per motivi professionali o di studio, in quanto non in possesso delle competenze di lettura di testi antichi e moderni (libri manoscritti e documenti). Considerate la ricchezza di materiale inesplorato nelle biblioteche ed archivi pubblici e privati, nonché l’importanza di poter accedere in modo diretto a quelle che sono le fonti necessarie per qualsiasi studio storico o che abbia basi scientifiche e certe, risulta assai utile la capacità di leggere e comprendere anche dal punto di vista formale i testi.

L’Officina di Studi Medievali ha, dunque, ritenuto che potesse essere più proficuo dotare i richiedenti degli strumenti indispensabili, attraverso un laboratorio, piuttosto che fornire trascrizioni.

Il Corso è coordinato da: prof. Diego Ciccarelli e prof.ssa Carolina Miceli.

Obiettivo

Far acquisire ai partecipanti le competenze di base per la lettura di testi medievali e moderni nonché le principali informazioni per una corretta trascrizione. Le ore saranno prevalentemente laboratoriali e, soltanto dove necessario, sostenute da alcuni contenuti teorici.

Requisiti

Laurea magistrale o triennale, diploma liceale, competenze di base di latino.

Date e Luogo

Il corso con durata di 30 ore di formazione, guidate da docenti specializzati (20 ore su testi medievali e 10 ore su testi di età moderna), inizia in data 12 settembre 2019 e termina in data 21 ottobre 2019.

Si tiene due volte a settimana, il Lunedì e il Giovedì dalle ore 15.30 alle ore 18.00 (per un totale di 12 incontri) presso l'Officina di Studi Medievali (ingresso da Via del Parlamento 32, zona Corso Vittorio Emanuele / Piazza Marina).

Al termine del corso verrà rilasciato un attestato finale di partecipazione.

 

Costo

Il Costo è di 250,00 €uro per ogni singolo allievo (con il rilascio di regolare ricevuta utilizzabile a fini fiscali) e può essere versato sul conto corrente intestato a Officina di Studi Medievali, Iban: IT33 J 02008 04682 000300632383.

La quota d'iscrizione comprende tutto il materiale didattico di cui lo studente potrà avvalersi (i testi, forniti in fotocopia, saranno carte di manoscritti o documenti, e presenteranno più scritture e più tipologie, con particolare attenzione a quelle presenti in Sicilia).

Vivere il Medioevo:

l'Osm al Festival del Medioevo di Gubbio

 

 

Sin dalle origini della nostra storia, organizzare convegni, fiere e manifestazioni culturali è sempre stata fonte d'ispirazione e di crescita. Dopo la bella esperienza al Salone Internazionale del Libro di Torino abbiamo sentito la necessità di partecipare ad un evento fortemente legato alla nostra identità e perfettamente in sintonia con il nostro bacino d'utenza fortemente legato al Medioevo.

Gubbio, con la sua terza edizione del Festival del Medioevo in scena dal 27 settembre al 1 ottobre 2017, rappresenta per l'Officina di Studi Medievali la sede ideale per condividere e promuovere attività di studio e di ricerca. In attesa di partire per la città umbra, tra bagagli e pacchi di libri da portare, ti raccontiamo cosa è questa fiera e perché abbiamo deciso di prendervi parte.

 

Un Festival per ... vivere il Medioevo

Tante sono le fiere, feste e rievocazioni medievali organizzate lungo l’arco dell’anno in tutta Italia. Tuttavia, l’evento culturale che riesce a creare una vera e propria sinergia culturale è proprio il Festival del Medioevo di Gubbio.

Immagina di passeggiare in un borgo medievale dove ai margini delle vie si aprono vere botteghe d'epoca, dove puoi assistere a spettacoli e rievocazioni storiche in strada, per poi visitare gli stand della Fiera del Libro Medioevale o partecipare a conferenze che presentano nuove pubblicazioni, film o convegni di approfondimento.

È possibile vivere questa dimensione in prima persona proprio a Gubbio, grazie ad un festival che esalta la cultura per il Medioevo facendola rivivere direttamente attraverso una serie di eventi perfettamente incorniciati e di facile accesso.

 

La terza edizione: spettacoli, editoria, mercato medievale, rievocazioni storiche e mostre

Tantissime iniziative culturali affronteranno i temi più diversi: da San Francesco a Dante, dall'architettura alla cucina medievale. Si partirà con l'interessante anteprima del nuovo programma di Rai Storia "Medioevo da non credere", in cui il Professore Alessandro Barbero sfaterà i miti più famosi legati al periodo storico, per poi ripercorrere i meandri della letteratura dantesca ed assistere infine alla proiezione de "Il sogno di Francesco", film dedicato al Santo.

Nei giorni di festival si procederà con Spettacoli teatrali, ricostruzioni di ballate d'amore e concerti, tra cui uno dedicato al canto e all'arpa celtica, e ancora rievocazioni storiche con tornei di scherma medievale, esibizioni dei balestrieri e degli sbandieratori di Gubbio. Saranno organizzati spettacoli di danza medievale, mostre sui cacciatori con le aquile della Mongolia ed esposizioni d'arte quali quella dedicata ai costumi scenici per il cinema.

 

Ecco il programma completo del Festival per non perdere tutti gli appuntamenti accennati.

 

L'Osm e la Fiera del Libro Medievale

L'editoria è parte integrante del Festival e ne esalta - come è ovvio che sia - i contenuti. Gubbio ospita le case editrici più presenti sul territorio nazionale e quelle specializzate come la nostra per sensibilizzare e appagare appassionati e studiosi del Medioevo che parteciperanno alla manifestazione.

L'Officina di Studi Medievali avrà il suo stand e metterà a disposizione del pubblico libri in vendita, brochures promozionali e gadgets. L’obiettivo non è solo partecipare a questa straordinaria festa ma soprattutto essere presenti fisicamente in occasioni fatte su misura per arrivare al cuore dei nostri lettori. Seguici anche "virtualmente" perché pubblicheremo nella nostra pagina ufficiale di Facebook e nel nostro account di Instagram foto, piccoli aneddoti e tanto altro per aggiornarti giorno dopo giorno fino alla fine dell'evento.

Per festeggiare la partecipazione al Festival del Medioevo di Gubbio abbiamo deciso di scontare del 30% tutto il nostro catatologo di pubblicazioni, tra cui i volumi di maggior successo come "La città di Palermo nel Medioevo", "Sigillare il mondo. Amuleti e ricette dalla genizah" e tanti altri!

 

Non solo, per tutta la durata dell'evento regaleremo insieme ai volumi acquistati i gadgets che porteremo al Festival.

 

Vivi il Medioevo al Festival Medioevale di Gubbio. Seguilo con l'Officina di Studi Medievali.

Prof.ssa Olga Trofimova si laurea in Lingua e letteratura (francese, inglese) all'Università Nazionale Linguistica di Kiev nel 2004 e successivamente consegue la laurea triennale in Lettere Moderne e la laurea magistrale in Filologia moderna e italianistica presso l'Università degli Studi di Palermo.

Premiata nel 2012 con la borsa di studio della Fondazione Ignazio Buttitta. Nel 2017 viene insignita del titolo di Dottore di Ricerca in "Studi letterari e filologico linguistici"e discute la tesi di dottorato dal titolo I Normanni in Inghilterra e in Sicilia. Un capitolo della storia linguistica europea presso l'Università degli Studi di Palermo.

Dal 2000 svolge l'attività di interpretariato in lingua russa, ucraina, inglese, francese, italiano. Docente di lingua francese e inglese, docente di conversazione in lingua russa. Nel 2017 ha tenuto il Corso di Lingua Russa presso l'Officina di Studi Medievali.

}); })(jQuery);