• -25%
Villa del casale di Piazza Armerina: le lucerne degli scavi gentili
  • Villa del casale di Piazza Armerina: le lucerne degli scavi gentili

Villa del casale di Piazza Armerina: le lucerne degli scavi gentili

28,00 €
21,00 € Risparmia 25%

Daniela Patti

Quantità

PayPal

Le indagini sulla villa del Casale di Piazza Armerina hanno reso ormai indifferibile lo studio sistematico delle numerose classi di reperti ceramici provenienti dagli scavi, a partire da quelli condotti negli anni 1950-1955 dal Gentili.
Questo studio, sulla base dei più aggiornati orientamenti della ricerca, si dedica proprio alle lucerne rinvenute con gli scavi Gentili che attualmente sono conservate nel magazzino archeologico della Villa.
La maggior parte delle produzioni è riconducibile alla tipologia delle africane Forma Atlante VIII, X, ma anche XIII, XV (tripolitane) ed a quelle di età medievale (a becco canale e a serbatoio aperto, molte delle quali invetriate piombifere).
Gli esemplari esaminati trovano confronti in tutta l’isola e costituiscono una prova evidente del quadro suggerito dalla ricostruzione delle dinamiche insediative per quest’area della Sicilia centrale, con un’interessante convergenza di dati storici ed archeologici. La presenza di numerose lucerne africane documenta, ad esempio, gli intensi contatti della Villa tardoantica con le province africane (in particolare Byzacena e Proconsolare), così come le attestazioni consistenti di produzioni in ceramica comune, probabilmente di fattura locale, offrono spunti di riflessione per la ricostruzione delle fasi di vita del complesso residenziale e di tutta l’area in età bizantina e in età successiva. La rilevante concentrazione di lucerne databili all’XI secolo confermerebbe il ruolo privilegiato di quest’area, documentato dalle fonti storiche nella storia del territorio di Piazza, al centro della lotta tra i baroni lombardi e i sovrani normanni fino all’abbandono definitivo dell’insediamento, databile nella prima metà del XII secolo; interessante la coincidenza con la diffusione delle lucerne con serbatoio aperto che sostituiscono il tipo con lungo becco, lungo il corso del XII-XIII secolo.
Nonostante l’assenza di dati stratigrafici, che potrà essere colmata dallo studio degli analoghi reperti provenienti degli scavi ancora in corso; la revisione dei contesti di appartenenza delle lucerne e, soprattutto, l’inquadramento cronotipologico degli esemplari datati per confronto, possono contribuire alla ricostruzione delle fasi di vita di questo complesso residenziale, osservatorio privilegiato della circolazione delle merci nella Sicilia centro meridionale e dei flussi commerciali ed economici di questo territorio, nel lungo periodo compreso tra la Tarda Antichità e l’organizzazione feudale seguita alla conquista normanna dell’isola ed al progressivo consolidarsi del Regnum.

Mp-37

Scheda tecnica

Anno di pubblicazione
2013
ISBN 13
978-88-6485-080-1
Formato
22x24
ISBN e-book
978-88-6485-081-8